I genitori di Matteo Renzi sono ai domiciliari

0
435

Arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, i genitori dell’ex premier Matteo Renzi. Il provvedimento è stato immediatamente emanato dai magistrati di Firenze per i reati di bancarotta fraudolenta e fatturazioni non veritiere. Entrambi i coniugi sono stati accusati di aver fatto fallire delle cooperative dopo aver cercato di svuotare le casse usufruendo di una ingente somma di denaro, pari a 6 milioni di euro.

L’azienda di famiglia Eventi 6 è finita sotto inchiesta per una gestione molto frivola e un occultamento di fondi molto strano. Il vicepresidente delle cooperative Gianfranco Massone è stato arrestato subito dopo aver emanato l’accusa.

Risultati immagini per laura bovoli e renzi

Tre cooperative fraudolente

Le indagini hanno trovato un punto di svolta grazie al meticoloso esame della documentazione pervenuta nei registri della azienda “Eventi 6”. Le tre aziende incriminate sono: Delivery, Europe Service Srl Marmodiv. Tra i libri contabili, le fatture e tutta la documentazione tenuta nelle sedi, è possibile risalire a come la famiglia ha potuto usufruire dei fondi in maniera illecita e senza alcun controllo.

Le cooperative non avendo una comprovata vita sociale, sono state subito riconosciute dagli agenti della Guardia di Finanza proprio perchè fungevano da specchietto per le allodole, il quale occultava affari nascosti.

Risultati immagini per laura bovoli e renzi

Versamenti inesistenti e fatture omesse

Il modus operandi era quello che il giudice aveva riconosciuto nella Direkta Srl, infatti tutti gli imputati collaboravano tra di loro per far si che le società fallissero tramite il mancato versamento di somme previdenziali e imposte statali.

Tra gli indagati è possibile trovare altri nomi come: Roberto Bargilli, ex autista di Matteo Renzi durante il suo mandato e tutti i dirigenti delle ex aziende portate al fallimento. Attualmente la Guardia di Finanza sta indagando anche su tutti coloro che hanno cercato di agevolare in maniera secondaria il sistema fraudolento illegale, tramite dei controlli incrociati fra le cooperative e tutti coloro che hanno avuto dei contatti con esse.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here